About these ads

Archive

Posts Tagged ‘Symbian’

(Other) Chronicles Of The Android

I know it is late and I am quite tired after a day of work. Still few seconds (and energies) to comment a new Gartner Report confirming what previously indicated by ABI Research and IDC, according to which, the Google Creature will command Nearly Half of Worldwide Smartphone Operating System Market by Year-End 2012.

Worldwide Mobile Communications Device Sales to End Users by OS (Thousands of Units)

OS 2010 2011 2012 2015
Symbian 111,577 89,930 32,666 661
Market Share (%) 37.6 19.2 5.2 0.1
Android 67,225 179,873 310,088 539,318
Market Share (%) 22.7 38.5 49.2 48.8
Research In Motion 47,452 62,600 79,335 122,864
Market Share (%) 16.0 13.4 12.6 11.1
iOS 46,598 90,560 118,848 189,924
Market Share (%) 15.7 19.4 18.9 17.2
Microsoft 12,378 26,346 68,156 215,998
Market Share (%) 4.2 5.6 10.8 19.5
Other Operating Systems 11,417.4 18,392.3 21,383.7 36,133.9
Market Share (%) 3.8 3.9 3.4 3.3

Source: Gartner (April 2011)

In my opinion it worths noticing the inevitable fall of Symbian, the slow but inexorable descent of RIM, and the equally slow growth of Microsoft wich will be able to nearly touch the 20% only in 2015.

The android has every reason to celebrate and nothing better do it properly than this video in which an HTC Desire solves a dodecahedron Rubik’s Cube: an HTC desire runs a custom Android app which uses the phone’s camera to take individual images of each of the puzzle’s 12 faces, then processes the information and sends a signal via Bluetooth to the NXT controller,

About these ads

Chronicles Of The Android

April 1, 2011 2 comments

The title of this post recalls a science fiction novel, but actually summarizes well a couple of news concerning the Android, which bounced in these days. Even if they seem apparently disjoined I decided to insert them in the same post: there is a logical link which connects the commercial success of a platform and the attention it attracts by malicious, and this seems to be the destiny of Android, to which the market share reserves a bright future, which become much less bright if one considers the information security consequences.

 

Part 1: Smartphone Market Share

This seems to be the right time for predictions as far as the smartphone market is concerned, that is the reason why I really was enjoyed in comparing the projections of ABI Research (released today), with the ones released from IDC a couple of days ago. The results are summarized in the following tables. Even if they are targeted at different years in the near future (respectively 2016 for ABI Research and 2015 for IDC), comparing the two reports is interesting for imaging what the future of the smartphone Operating System will be.

ABI Research IDC
Operating System 2010 2016 Operating System 2011 2015
Android 23,00% 45,00% Android 39,50% 45,40%
RIM 16,00% 14,00% RIM 14,90% 13,70%
iOS 15,00% 19,00% iOS 15,70% 15,30%
Symbian 36,00% - Symbian 20,90% 0,20%
Windows Phone 7/Windows Mobile 0,60% 7,50% Windows Phone 7/Windows Mobile 5,50% 20,90%
Others 9,40% 14,50% Others 3,50% 4,60%

Often the providers of market intelligence do not agree on anything, but in this case, if there is one thing that seems to have no doubt, is the scepter of the Android, which seems to be destined, for both reports, to rule the market with nearly one half of the total smartphones shipped after 2015. The data also confirm a stable position for RIM (around 13%-14%), while do not completely agree as far as Apple is concerned, for which ABI research estimates a market share of 19% in 2016 and IDC a market share of 15% in 2015. But were the data are surprisingly different, is on the Windows Phone Market Share. According to ABI Research, Windows Phone will reach the 7% of the market (which become 7.5 adding the market share of its predecessor Windows Mobile). Unfortunately I do not think that, according to Microsoft’s hopes, the number 7 which identifies the mobile operating system series, pertains to the market share in 2016. Last and (unfortunately) least? IDC is more optimistic and foresees a bright future for Redmond in the mobile arena, with its creature ranking immediately behind the Android with the 20% of the market. Will be very amusing to see (in 5 years if we will remember) who was right.

Last and (unfortunately) least, the poor Symbian, sacrificial victim of Nokia and Microsoft agreement, which, in 5 years will remain little more than a romantic remembrance for mobile lovers, while, surprisingly, ABI research foresees a surprising 10% market share for Samsung Bada in 2016.

Part 2: Mobile Malware Market Share

Of course I am an infosec guy so I wonder if also the mobile malware will follow the same trend. This consideration arises from an interesting article I found in the Fortinet blog. Of course data must be taken with caution, but I could not help noticing that when one switches from smartphone market share to mobile malware market share, the ranking positions are reversed: over 50% of mobile malware families detected by the security firm concern Symbian, approximately 15% are Java ME midlets, while the Android approximately suffers only of the 5% of the infections. Of course, as correctly stated on the article, this does not means that Symbian is the less secure. In my opinion the bigger percentage of mobile malware is a simple consequence of the fact that Symbian is still the Operating System with the greater spread. Of course malware writers deserve bigger attention to those platforms which offer the wider attack surface (that is the wider possibility to spread infections). And in this moment, Symbian is an attractive prey from this point of view. My sixth sense (and one half as we say in Italy) says that the Android will not take a long time in order to achieve also the unenviable first position also in the mobile malware market share, not only because it is spreading at an incredible speed, but also because it is becoming an enterprise platform (so the value of the data stored are much more attractive for Cyber Crooks.

As if on purpose, today Symantec discovered yet another malware for Android (Android.Walkinwat), which, at least for this time, tries to discipline users that download files illegally from unauthorized sites. Analogously to some of its noble malware predecessors (Geinimi, HongTouTou, Android.Pjapps), the malware is hidden inside a non-existent version of a true application (in this case Walk and Text) and downloaded from parallel markets from Asia and United States, but instead of stealing private data, simply floods of SMS the contacts.

Hey, just downloaded a pirated App off the Internet, Walk and Text for Android. I am stupid and cheap, it costed only 1 buck. Don’t steal like I did.

At the hand, after sending the SMS (affecting the user’s phone bill) it warns the user with the following message.

Unfortunately downloading malware from Asian parallel market is not new, and it is not a coincidence that the same report from Fortinet indicates that most mobile malware families are implemented by Russian or Chinese coders. This is undoubtely an increasing trend, and I am afraid that Chinese coders will soon shift their Cyber Espionage Operations to mobile devices…

L’Androide In Vetta (Ma Perde i Pezzi)

March 5, 2011 2 comments

Nuovi dati di Nielsen confermano la corsa dell’Androide, che nel ricco mercato Americano si conferma la prima piattaforma per diffusione con il 29% delle piattaforme vendute, confermando il sorpasso nei conronti della Mela e della Mora (le arcinemiche Apple e RIM) al palo con il 27%.

La prospettiva cambia radicalmente se si considerano i singoli produttori: l’Androide appare infatti molto frammentato, e questo avvantaggia Apple e RIM, produttori autarchici (oltre a Nokia) che distanziano nettamente (quasi il doppo di diffusione) HTC, il primo produttore androide, che si “accontenta” di un 12%.

Da notare i novelli sposi Nokia e Microsoft che messi assieme non arrivano nemmeno alla metà dei tre principali sistemi operativi (addirittura il povero Symbian e sorpassato anche da WebOS).

Niente di nuovo sotto, il sole. Personalmente, come ho già avuto modo di esporre in questo post, l’unico punto preoccupante conseguente alla Frammentazione dell’Androide non è tanto quello relativo alle quote di mercato, quanto quello relativo alla proliferazione inopinata dei servizi dei produttori (ad esempio la diffusione di market verticali), e alla diversificazione eccessiva di hardware e del software che penalizzano inevitabilmente la stabilità della piattaforma. Questo aspetto comincia ad essere uno dei punti deboli dell’Androide ed è indubbiamente uno dei pochi vantaggi della chiusura di Apple e RIM (oltre agli indubbi vantaggi in termini di sicurezza, e il caso del malware DroidDream è esemplare in questo senso).

Devo però ammettere che un aspetto in particolare mi ha colpito: se si guarda con attenzione alla diffusione della piattaforma per età, nel caso dell’Androide la differenza la fanno i giovanissimi (18-24), dove l’androide guadagna due punti percentuali in più rispetto alla Mela e alla Mora. Queste ultime, come prevedibile, guadagnano sull’utenza più matura (soprattutto RIM). In effetti sembra proprio che lo stereotipo dell’Androidiano smanettone sia confermato dai dati statistici, anche se in realtà c’era arrivato molto prima il genio autore di questa vignetta.

Strategia Intel Per il Mobile: Io Ballo Da Sola

February 21, 2011 1 comment

Devo ammettere che la strategia Intel in ambito sicurezza e mobile mi sta incuriosendo molto. Commentando il matrimonio dell’anno tra Nokia e Microsoft, in particolare sin dalle prime voci che si rincorrevano da dicembre 2010, mi ero sbilanciato affermando che un terzo incomodo sarebbe stato invitato al banchetto nuziale dell’anno: Intel, il gigante dei processori di Santa Clara che, assieme al colosso finlandese di Espoo, stava sviluppando MeeGo, il sistema operativo basato su Linux, nelle idee degli sviluppatori l’anti-Androide che avrebbe dovuto (sigh!) equipaggiare smartphone di fascia alta e tablet.

Ovviamente nulla lasciava presagire che il maggior produttore di processori al mondo, imbarcatosi in questa improvvida avventura con i finlandesi, fosse stato mantenuto all’oscuro della sotta linea rossa che nel frattempo si stava sviluppando tra Redmond ed Espoo… Anzi, virtualmente il colosso di Santa Clara avrebbe potuto avere una parte importante nell’improbabile sodalizio, ad esempio fornendo i processori, settore in cui Intel soffre la concorrenza di Qualcomm e ARM.

Alla fine gli eventi hanno lasciato un po’ spiazzati tutti gli osservatori. Windows Phone 7 e MeeGo sono due fardelli troppo ingombranti (e onerosi in termini di risorse di sviluppo) all’interno di una stessa offerta, così il  primo frutto del matrimonio  finnico-americano è stato il ridimensionamento di MeeGo (a cui sembrerebbe stesse lavorando team composto da soli 3 sviluppatori esterni). Niente di strano, se non fosse che Chipzilla (questo il simpatico soprannome con cui spesso ci si riferisce simpaticamente al gigante dei processori) sembrerebbe fosse realmente all’oscuro della trama che si stava snodando tra le due sponde dell’Atlantico. Una volta incassato il colpo, Intel ha ribadito la propria intenzione di proseguire con MeeGo (affermando addirittura che al posto di Nokia avrebbe sposato Android). I fan di Matrix ricorderanno la celebre frase di Morpheus: “Al destino non manca il senso dell’Ironia”, e difatti non può che esserci ironia nel fatto che solo un anno fa (il 15 febbraio 2010) Nokia e Intel a Barcellona battevano la grancassa del marketing per annunciare la nascita di MeeGo dalle ceneri dei propri sistemi operativi Maemo e Moblin.

In teoria il colosso di Santa Clara ha le risorse e i mezzi per affrontare una scommessa del genere ma la sfida si presenta estremamente ardua, non solo per il ritardo con cui il sistema operativo si presenta sul mercato, ma anche perché, e la mossa di Nokia lo dimostra, la guerra dei sistemi operativi mobili si combatte soprattutto con gli ecosistemi di sviluppatori e applicazioni che si sviluppano attorno. Anche in questo caso il ritardo è notevole vista la posizione consolidata di Apple, la crescita di Android (a cui sembrerebbe stia cercando di agganciarsi anche RIM con una Virtual Machine che consentirebbe di far girare le applicazioni  native dell’Androide) e le difficoltà che la stessa Microsoft sta incontrando per guadagnarsi un suo spazio vitale.

Ciò nonostante la strategia di Intel verso il mondo mobile continua imperterrita per la sua strada. Dopo gli annunci relativi al sistema operativo a Barcellona è arrivato l’atteso annuncio relativo alla nuova generazione di processori per dispositivi mobili, battezzata Medfield (ironia della sorte potranno far girare il Sistema Operativo Androide!), processori che, nelle intenzioni degli ingegneri, promettono scintille (è proprio il caso di dirlo) nei confronti della concorrenza (ARM in testa) soprattutto per quanto riguarda durata e consumo energetico.

Ma Intel non si è fermata qui e, a conferma della necessità di creare un ecosistema di applicazioni, il colosso dei processori, tramite il suo braccio armato finanziario Intel Capital, ha proseguito la sua opera di finanziamento di startup nel mondo mobile.

Naturalmente quando si parla di Intel, la strategia del mondo mobile si incrocia inevitabilmente con la sicurezza: questa era  stata una delle chiavi di interpretazione della maxi acquisizione di McAfee (approvata dalla Comunità Europea solo 26 gennaio di quest’anno) i cui primi frutti si dovrebbero vedere nella seconda metà del 2011 (ma è probabile che il know-how del produttore rosso di sicurezza possa trovare ulteriori applicazioni per i dispositivi mobili). In questo campo potrebbe avere applicazione anche una interessante tecnologia di autenticazione che il gigante dei processori sta sviluppando insieme a Symantec, il principale concorrente di McAfee (o meglio di se stessa) e con la  ulteriore collaborazione di Vasco, gigante europeo dell’Autenticazione. Questo improbabile terzetto è attualmente al lavoro su una rivoluzionaria tecnologia di autenticazione chiamata Identity Protection Technology, o IPT, che nelle sua versione iniziale sarà cablata all’interno dei nuovi processori i3, i5 e i7. Con questa tecnologia Intel  mira ad ampliare la propria sfera di azione sui servizi di autenticazione (ad esempio home banking) rendendo un processore in grado di generare una one-time password (OTP) per autenticarsi verso un sito compatibile precedentemente accoppiato. Un patto con il Diavolo Symantec? Solo Parzialmente visto che Symantec controlla Verisign, uno dei principali fornitori di servizi di autenticazione, e che probabilmente è la tecnologia coinvolta in questo accordo.

A prescindere dal fatto che la scommessa MeeGo venga vinta o meno, Intel è comunque molto attiva su molteplici fronti, motivo per cui, nel 2011, questo produttore andrà tenuto d’occhio.

Nokia e Microsoft: Matrimonio Al Volo

February 11, 2011 3 comments

E alla fine il gran giorno è arrivato: il fatidico #feb11 si è concretizzato, e in un tranquillo venerdì di febbraio Nokia e Microsoft hanno annunciato l’alleanza strategica di cui si vociferava da qualche tempo. L’alleanza porterà nel corpo metallico dei terminali Nokia un cuore a finestre e si estenderà agli altri prodotti e servizi di Casa Microsoft: Il motore di ricerca Microsoft Bing e i servizi pubblicitari adCenter costituiranno i punti di ingresso al mondo Web dei terminali Nokia, mentre Nokia porterà in dote la sua consolidata forza nell’imaging. Ovi Maps sarà un tassello centrale nei servizi di georeferenziazione Microsoft e sarà integrato con Bing, mentre nello stesso tempo, Ovi Store (il mercato di applicazioni di casa Nokia) sarà assimilato integrato nel Marketplace di Microsoft. Xbox Live e Office saranno anche della partita e integrati nei futuri terminali di Nokia. La speranza congiunta è quella di distruggere gli altri ecosistemi mobili attuali e di vincere le prossime sfide.

Il CEO di Nokia, Stephen Elop, non ha perso tempo e ha suggellato l’unione tramite il Canarino Azzurro, restituendo al mittente il tweet aviario con cui Vic Gundotra, Vice-President di Google, aveva liquidato le voci del presunto matrimonio,  rispondendo con un ulteriore cinguettio in tema aereo:

@cheureux Or this: Two bicycle makers, from Dayton Ohio, one day decided to fly. #NokMsft#feb11

In cui, i più ferrati in materia (tra cui il mio caro amico e collega David Cenciotti) avranno sicuramente riconosciuto un  elegante richiamo ala favola dei Fratelli Wright, inventori pionieri del volo moderno).

Tra un cinguettio e l’altro, gli invitati al matrimonio dei due giganti dovranno prepararsi ad un funerale. La cronaca di una morte annunciata è quella di Symbian che, come prevedibile, verrà sacrificato sull’altare nuziale di Redmond ed Espoo. Durante la conferenza di oggi sono state difatti mostrate da Stephen Elop e dal Direttore Finanziario di Nokia, Timo Ihamuotila (e chi conosce i CFO sa che questo è forse il lato più preoccupante), alcune slide significative in cui, tra la mancanza furbesca di date, viene evidenziato il lento ma inesorabile declino del sistema operativo bandiera di Casa Nokia.

Nel frattempo, l’Androide Verde continua a macinare quote di mercato (ultima analisi in ordine di tempo, in cui l’Androide ha superato Symbian, è quella di Canalys). La diffusione dell’Androide è talmente elevata che RIM sta pensando a un possibile abbocco finalizzato a garantire la compatibilità del Playbook, tablet di casa, con le applicazioni del sistema operativo Androide. Ultima voce in ordine di tempo è quella di Bloomberg secondo cui RIM sta sviluppando in casa una macchina virtuale Java (disponibile nella seconda metà del 2011) per poter far girare i famosi pacchetti apk del sistema operativo Google.

Una cosa è certa: il Sistema Operativo Google sta sconvolgendo il mercato allo stesso modo in cui si augurano di fare i novelli sposi Nokia e Microsoft. Speriamo solo che il tuffo dalla piattaforma in fiamme di Symbian si trasformi nella favola del volo dei fratelli Wright e non nel famoso romanzo di Jules Verne “20.000 leghe sotto i mari”.

Due Tacchini Non Fanno Un’Aquila

February 9, 2011 1 comment

Con questa perentoria battuta, Vic Gundotra, Vice-President di Google (ironia della sorte Ex Manager di Microsoft), ha commentato le presunte voci che danno per imminente (l’annuncio dovrebbe essere dato l’11 febbraio), l’approdo del sistema operativo mobile a Finestre di Casa Microsoft all’interno dei terminali Nokia. In realtà la citazione aviaria non è casuale, ma rappresenta uno scambio di cortesie nei confronti di Anssi Vanjoki, Vice President di Nokia (in fase di uscita dopo aver fallito la nomina a CEO – mi domando come mai), che nell’ormai prestorico 2005 liquidò con la stessa battuta (e la stessa eleganza) l’acqusizione da parte di BenQ delle attività mobili di Siemens. Per la cronaca Anssi si distinse anche per la classe con cui mise a tacere le voci di un possibile “abboccamento” dei terminali di casa Nokia nei confronti del Sistema Operativo Androide, accostando l’ipotetico sodalizio con una pratica in voga presso la terra di Finlandia per “automitigare” gli effetti dei duri inverni: Using Android is like peeing in your pants for warmth (lascio la traduzione dell’elegante sentenza ai più smaliziati cultori della lingua anglosassone).

Oggi la situazione è cambiata radicalmente: un memo (anzi sarebbe meglio dire un Maemo) del CEO di Nokia trapelato dalle solite manine ignote alle fauci della  gogna mediatica (ma perché è così difficile adottare tecnologie di Data Leakage Prevention?) ha rivelato, con una azzeccata similitudine (Our Platform Is Burning) la situazione poco invidiabile in cui versa il gigante finlandese. Se da un lato le quote di mercato (e i profitti) che si restringono, dall’altro lato il gap tecnologico con l’Androide e la Mela aumentano di pari passo in modo inversamente proporzionale: una deriva, la cui sola ancora di salvezza (il parallelo nautico, come spiegherò tra poco, non è casuale) appare proprio l’improbabile connubio con il sistema operativo di Redmond.

Il termine utilizzato “piattaforma” richiama l’aneddoto di un uomo intrappolato su una piattaforma  petrolifera in fiamme nei mari del nord. In condizioni normali non avrebbe mai pensato di buttarsi da 30 metri, certo di una morte sicura tra le fredde acque artiche; tuttavia considerata la situazione eccezionale (e disperata) prese proprio la decisione di buttarsi, decisione che lo avrebbe portato a morte sicura ma che in quelle circostanze eccezionali fu proprio la sua salvezza, venendo, di lì a poco, recuperato da una nave di passaggio.

Ovviamente il termine Our Platform è facilmente adattabile ad una piattaforma software (Symbian) che sta bruciando vittima della concorrenza, ed in questa ottica la similitudine diventa intrigante: cosa potrebbe fare Nokia mentre la propria piattaforma software brucia? Venire bruciata dalla stessa oppure buttarsi nel gelido mare in attesa di un incrociatore battente bandiera liberiana americana, e sfoggiante uno scintillante un vessillo a finestre?

Similitudini a parte, leggendo il testo integrale del memo di Stephen Elop, si ritrovano comunque alcuni punti che avevo sottolineato nel mio post in cui discussi, in tempi non sospetti, delle difficoltà del gigante finlandese stretto tra il morso dell’Androide e la morsa della Mela, i più evidenti dei quali consistono nello sconvolgimento del panorama causato, nel 2007, dalla  comparsa dell’iPhone dal cilindro magico di Steve Jobs, nella velocità con cui l’Androide sta macinando quote di mercato ed infine nella lentezza di MeeGo nell’aggredire il mercato. Eventi che il colosso finlandese ha affrontato con eccessiva inerzia, ormai non ulteriormente prolungabile.

Naturalmente la lettera del CEO di Espoo non è passata inosservata alla comunità che ci ha letto un tentativo di addolcire la pillola che gli aficionados di Symbian dovranno ingoiare quando verrà loro annunciato l’improbabile connubio con Microsoft (e se per Nokia questo evento sarà un bel tuffo  dalla piattaforma nelle gelide acque del mare del nord, per gli utenti sarà comunque una doccia fredda).

A peggiorare i grattacapi di Mr. Elop hanno contribuito anche i dati relativi alle poco esaltanti performance di Nokia nel 2010, dati che in questo momento dell’anno cominciano ad accavallarsi e che dimostrano come, nonostante le sirene di allarme dei produttori di sicurezza (non ultima quella di McAfee), i dispositivi mobili, ed in particolare i terminali equipaggiati con il cuore di Androide, suscitino un notevole appeal nei consumatori.

L’ultimo report in ordine di tempo è quello redatto da Gartner che riporta, per i dispositivi mobili evoluti (i cosiddetti smartphone) una crescita del 72.1 % nei confronti del 2009, grazie alla quale, secondo l’Istituto di Ricerca, il 19 % di tutto il traffico mobile è originato da dispositivi di questo tipo. Lo stesso studio indica che nel corso dell’ultimo trimestre, le vendite di smartphone hanno pesato per il 22.2 % all’interno dei 452 milioni di terminali venduti, mentre in tutto il 2010 sono stati venduti 1.6 miliardi di unità con una crescita del 31.8  % nei confronti del 2009.

Da notare il calo di Nokia, e la Mela di Apple che si appresta a superare la Mora di RIM (Blackberry).

Inutile dire che nei sistemi operativi il tanto vituperato (in termini di sicurezza) Androide la fa da padrone avendo registrato, nel corso del 2010 una crescita quasi a 3 cifre (888.8 %) rispetto all’anno precedente:

Interessante confrontare i dati con le analoghe rilevazioni effettuate da IDC che, seppur con qualche differenza, confermano il volo dell’androide.

Primi 5 venditori di Smartphone : Esemplari venduti e quote di mercato nel 2010 (Unità in Milioni)

Vendor 2010 Units Shipped 2010 Market Share 2009 Units Shipped 2009 Market Share Year-over-year growth
Nokia 100.3 33.1% 67.7 39.0% 48.2%
Research In Motion 48.8 16.1% 34.5 19.9% 41.4%
Apple 47.5 15.7% 25.1 14.5% 89.2%
Samsung 23 7.6% 5.5 3.2% 318.2%
HTC 21.5 7.1% 8.1 4.7% 165.4%
Others 61.5 20.3% 32.6 18.8% 88.7%
Total 302.6 100.0% 173.5 100.0% 74.4%

Matrimonio Con Il Morto

February 6, 2011 3 comments

Sembra che le voci di un possibile matrimonio tra Microsoft e Nokia, siano destinate a trovare conferma tra pochissimi giorni, forse addirittura l’11 febbraio. Il matrimonio dovrebbe avere come dote principale Windows Phone 7 che potrebbe andare ad equipaggiare i terminali di casa Nokia, che in tal caso vedrebbe modificare drasticamente la propria immagine: da produttore di una piattaforma completa (hardware più software) a semplice costruttore di terminali, alla stregua di altri colossi quali LG, HTC, (parzialmente) Samsung, etc.

Gli ingredienti ci sono tutti: in primo luogo da settembre 2010 al timone (sarebbe meglio dire alla slitta) del gigante finlandese c’e’ proprio un enfant prodige Microsoft, Stephen Elop, che per la prima volta ha spodestato un finlandese dal gradino più alto dell’azienda; in secondo luogo è ormai noto che Symbian e MeeGo (rispettivamente i sistemi operativi mobili per la fascia medio-bassa e alta del mercato), anche se su piani diversi, stanno arrancando per obsolescenza tecnologica (Symbian) e per la difficoltà di imporsi in un mercato dove l’Androide, la Mela e il Lampone oramai la fanno da padroni (con conseguente calo continuo dei profitti)

Ma se Esp00 piange, Redmond non ride: dall’altra parte dell’Oceano la situazione non è molto diversa. Sebbene l’ultimo nato di casa Windows sia un prodotto dignitoso, stenta comunque a diffondersi a causa del ritardo nel lancio e di alcune mancanze di gioventù (e di time-to-market) difficilmente perdonabili.

In questo senso si spiega dunque la strategia, applicabile ad entrambi i coniugi di questo matrimonio d’interesse, di appoggiare la sinergia su un ecosistema già esistente di terminali e servizi.

Con tutta probabilità il matrimonio porterà in dote ai Finlandesi Windows Phone 7 ed agli americani la possibilità di poter sfruttare la diffusione (ed il valore del brand) del principale produttore mondiale di terminali per numero di diffusione. Tutte rose e fiori quindi? Per niente affatto: sul piatto delle leggi di mercato dovrà essere lasciata almeno una vittima illustre. Tre sistemi operativi sono troppi per Nokia, per cui lo storico Symbian dovrà rassegnarsi a un mesto prepensionamento, oppure MeeGo non vedrà mai la maturità, interrompendo la propria carriera incompiuta nel bel mezzo di una stentata adolescenza.

Certo mi viene da storcere il naso al pensiero, ma oramai ho abbandonato Symbian senza troppi rimpianti, se non la romantica nostalgia di un sistema operativo che ha accompagnato la mia crescita professionale oramai da quasi 10 anni. Se invece guardo alla questione da una prospettiva più ampia, due sono le considerazioni che sorgono spontanee: una su un piano strettamente legato al mondo mobile ed una, più generale, relativa alla cultura manageriale:

  1. Relativamente al mondo mobile ho la sensazione che direttamente o indirettamente in questo matrimonio entrerà anche Intel: è vero che il colosso di Santa Clara ha storto il naso (con malcelata altezzosità) al fatto che Microsoft abbia pericolosamente strizzato l’occhio ad ARM, ma è altrettanto vero che Intel sta sviluppando MeeGo congiuntamente con Nokia e sta contemporaneamente investendo (anche) in tecnologie di sicurezza mobile con l’acquisizione di McAfee. Vedo quindi difficile una strategia mobile autarchica in un mercato che sembra ormai lasciare poco spazio agli outsider anche se dotati della potenza di fuoco di Santa Clara;
  2. Più in generale la mossa di Stephen Elop appare molto azzardata ma ribadisce un concetto: in un mercato globale  e aggressivo il manager rompe le regole e gli equilibri. Non è un caso che lo stesso Elop stia, proprio in questi giorni, avviando una operazione di “mietitura” (di teste) all’interno dei papaveri Nokia responsabili dell’eccessiva inerzia dell’azienda. In maniera superficialmente banale, non ho potuto fare a meno di accostare la temerarietà (e mi auguro la vision) del CEO Nokia a quanto sta accadendo in questi giorni alla prima (e quasi unica) fabbrica nazionale di automobili, anche lei nel bel mezzo di un matrimonio d’interesse con un partner d’Oltreoceano che sta sconvolgendo i piani di una economia tradizionale.

Un’altro colosso sul piede di guerra nell’affollatissimo mercato mobile. Vedremo se il matrimonio snaturerà l’immagine di Nokia oppure l’azzardata scommessa di Elop darà i suoi frutti, restituendo lo smalto (e le quote di mercato) ad una nobile azienda che appare indirizzata verso la via del declino.

Metti Un Windows Nel Telefono (Nokia)

December 22, 2010 2 comments

Nel giorno in il mio amico ha ricevuto il suo Galaxy S nuovo fiammante:

Finalmente ho il Galaxy, che spettacolo! Android è una figata! Avevi ragione al 100%

ho appreso, con grande rammarico, che il Blackberry di mio fratello sarà a capotavola al pranzo di Natale, tra i tortellini e il capitone.

Mio malgrado la notizia del giorno non è il fatto che il pranzo di natale mi andrà di traverso, bensì uno strano tamtam che negli ultimi giorni sta circolando in rete: sembra infatti che nei mesi passati Nokia e Microsoft si siano incontrati per valutare l’ipotesi di una collaborazione in ambito mobile. Questo significa che forse tra breve potremo vedere un telefono Nokia armato con il sistema operativo Windows Phone 7.

Che il Colosso di Espoo sia in difficoltà, con una continua erosione delle proprie quote di mercato, non è un mistero. Analogamente i dati relativi alle vendite dei terminali con il sistema operativo mobile di Redmond sono piuttosto contraddittori, si parla difatti di di soli 40.000 terminali venduti a novembre oltreoceano.

Lato Microsoft, oltre al ritardo, stanno pesando alcune gravi carenze in fase di lancio, ad esempio la mancanza delle funzioni di copia e incolla, presumibilmente dovute alla necessità di arrivare sugli scaffali dei negozi il prima possibile per tentare di arginare la crescita a due cifre dell’Androide e della Mela Morsicata.

A favorire la veridicità della bomba nataliza pesano le difficoltà dei due giganti in un terreno che appare inevitabilmente in discesa per Mountain View e Cupertino, e la conseguente necessità di una strategia congiunta per riconquistare le quote di mercato (e l’immagine) perduta.

A sfavore della notizia (e a possible conferma della bufala) pesano gli ingenti investimenti fatti dal costruttore finalndese nel sistema operativo Symbian e l’alleanza con Intel per la realizzazione di MeeGo, il sistema operativo mobile  nato dall’unione delle piattaforme Maemo (del gigante di Espoo) e Moblin (del gigante di Santa Clara) destinato a terminali di fascia alta e tablet. Come già più volte discusso in queste pagine, anche l’acquisizione di McAfee da parte di Intel rientrerebbe nella creazione di una strategia mobile (antitrust permettendo) end-to-end.

Ci sono tuttavia un paio di elementi degni di nota che potrebbero fornire scampoli di veridicità alla notizia: in primo luogo, non a caso, Nokia ha da poco assunto, in ruolo di CEO, Stephen Elop, proveniente proprio da Microsoft. In secondo luogo è vero che Intel e Nokia sono alleate per il sistema operativo, ma è altrettanto vero che Intel e Microsoft sono partner storici e padri (monopolisti) del binomio Wintel, standard de facto dell’architettura PC contemporanea. Inoltre il gigante di Santa Clara non nasconde le proprie intenzioni di approdare pesantemente al mondo mobile con la propria piattaforma Atom per contrastare il predominio di ARM e Qualcomm, cuori pulsanti dei vari Androidi e Iphone.

E allora? Allora, anche il colosso dei Microprocessori potrebbe essere della partita, e quale miglior modo per farlo se non allearsi con il primo produttore al mondo di sistemi operativi e il primo produttore al mondo di terminali mobili

Assisteremo alla nascita del nuovo standard de facto per l’architettura mobile Wintelnokia?

Gli Uomini Preferiscono le bionde… (E Gli Androidi…)

December 4, 2010 Leave a comment

Una recente sondaggio di Nielsen disegna un interessante quadro sulle preferenze e intenzioni di acquisto di smartphone negli Stati Uniti. In sostanza suddividendo le intenzioni di acquisto tra maschietti e femminucce si scopre che il gentil sesso preferisce decisamente la creatura di Steve Jobs. Le intenzioni di acquisto si invertono se si considerano i maschietti, le cui preferenze vanno di gran lunga per l’Androide Verde di Mountain View. Senza contare gli indecisi, agli altri, per ora, rimangono le briciole (o quasi…)

 

La Corsa Dell’Androide

December 2, 2010 1 comment

Secondo una recente analisi di IDC, l’Androide Verde di Mountan View si appresta a superare il gigante di Espoo nel Vecchio Continente a livello di vendite di Smartphone. Nel 3Q del 2010 Nokia deteneva ancora il primato nel mercato  dell’Europa Occidentale con il 34% del mercato, seguita dalla Mela Morsicata con il 24% e l’Androide Verde al 23%. Lo scenario è destinato a cambiare nel prossimo trimestre in quanto l’analista Fransciso Jeronimo prevede che il sistema operativo mobile di Google si posizionerà stabilmente al primo posto (a livello mondiale detiene già il secondo posto alle spalle di Symbian) sospinto dal rilascio imminente di Android 2.3 Gingerbread.

Per quanto riguarda i produttori di smartphone equipaggiati con l’Androide, i terminali HTC continuano ad essere il desiderio (Desire) degli utenti, e spingono il colosso di Taiwan al primo posto con il 39%, seguono a ruota Sony Ericsson e Samsung rispettivamente con il 27% e 14%.

Da notare nell’articolo le percentuali irrisorie di Windows Mobile. Riuscirà il Colosso di Redmond a recuperare il ritardo? Nel frattempo vi ricordo il fantastico sondaggio.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,898 other followers